UNA STELLA PER IL FUTURO: QUINTO POSTO PER GLI AZZURRI

Casale Monf.to – Gli Esordienti Secondo Anno dell’LG Trino, hanno preso parte al torneo organizzato dal Casale FBC, denominato “Una stella per il futuro”. Al “Bianchi” di Oltreponte l’organizzazione è stata come di consueto perfetta. Sei le formazioni al via, divise equamente in due gironi. Nella fase mattutina gli azzurri di mister Asosti si sono confrontati con il Casale Bianchi e con la Rivarolese. Due partite molto impegnative, sulla lunghezza di due tempi da 18 minuti l’uno. Il Trino si presenta con alcune assenze (Paveri ed Ait) e schiera tra i pali Luca Condurache, estremo difensore degli Esordienti 2007. Il primo match è con i padroni di casa, nelle cui file troviamo tra gli altri l’ex Soccer Spartera, Filippo Turco. Al terzo minuto il Casale sblocca la gara. Conclusione da lontano che inganna l’incolpevole Condurache. La reazione azzurra è buona. Al settimo Doati su punizione impegna il portiere avversario ed al nono Elgebali sfiora la traversa con un pallonetto dai 18 metri. Al quindicesimo Gaye si conquista una punizione. La battuta del centravanti del Trino è potente e ben indirizzata, ma trova i guantoni del numero uno del Casale che correggono in angolo. Dal possibile pareggio al raddoppio dei casalesi il passo è breve. Al 17’ la seconda conclusione verso la porta azzurra (rasoterra in diagonale) si trasforma nel 2-0 con cui si chiude il primo tempo. Un parziale troppo severo nei confronti degli ospiti. Nella ripresa Gaye (4’) obbliga il portiere di casa ad una super-parata ed al sesto la palla calciata dallo stesso Mamadou viene rimpallata fortunosamente da un difensore. La legge del calcio è impietosa e si ripresenta al 12’. Da calcio d’angolo il Casale segna il 3-0 approfittando di una amnesia difensiva del Trino. La gara termina di fatto qui. Al quindicesimo i nero-stellati colpiscono anche un palo, ma francamente il tre a zero è già un risultato eccessivo per quello che si è visto in campo. Il Casale ha comunque meritato il successo. Agli azzurri è mancata la freddezza sotto porta, ma purtroppo non è una novità. Pochi minuti e si torna in campo. Questa volta l’avversario si chiama Rivarolese. Al quarto i granata colpiscono il palo a Condurache battuto. Sulla respinta arriva il gol, giustamente annullato per fuorigioco. Al quinto Elkej vince un contrasto a metà campo e lancia Gaye verso la porta avversaria. Il bomber non sbaglia e il Trino passa in vantaggio. L’occasione per il raddoppio arriva al decimo, ma il pallone di Elgebali termina di poco alto sulla traversa. Condurache (11’) salva la porta azzurra deviando sulla traversa, ma al tredicesimo non può nulla nell’azione che porta al pareggio (meritato) della Rivarolese. Prima del riposo i granata sfiorano il palo e ad inizio ripresa Condurache deve superarsi per evitare il punto del sorpasso. A questo punto si rivede il Trino. Elgebali per Drago (9’) e parata centrale del numero uno torinese. Gaye per Drago (11’) e deviazione in corner dell’estremo difensore della Rivarolese. Dalla bandierina gli azzurri non sono precisi e si innesca il contropiede che risulta decisivo ai fini del risultato finale. Ripartenza veloce e super-parata di Condurache. Sulla respinta i granata segnano a porta vuota. Gaye al tredicesimo sfiora il pareggio su punizione, poi è solo Rivarolo, con il portiere del Trino che evita il gol in tre occasioni. Le due sconfitte aprono le porte ai quarti di finale, dove ad attendere gli azzurri c’è il Derthona. Avvio al fulmicotone per entrambe le squadre. Dopo 25 secondi Gaye vola verso la porta dei leoncelli e sigla il punto del vantaggio. Il Trino rimane avanti solo nell’arco di tempo che serve per mettere il pallone al centro e per ricominciare la partita. Azione sulla destra, traversone e tocco alle spalle di Condurache: 1-1. Gli azzurri di mister Asosti costruiscono un paio di buone occasioni tra il quinto ed il settimo minuto. Gaye supera due difensori e conclude a lato. Punizione (per fallo su Gaye) dal vertice sinistro dell’area del Derthona. Calcia Elgebali alzando troppo la mira. Al decimo un uscita disperata di Condurache evita il peggio e all’undicesimo il Derthona colpisce per due volte la traversa. Sulla ripartenza, triangolo Gaye-Rametta-Gaye con sinistro in corsa deviato in angolo. Al tredicesimo il team di Tortona batte un corner: colpo di testa all’altezza del secondo palo (in completa solitudine) e gol del 2-1. Un minuto e arriva il tris. Pallone perduto a metà campo e diagonale rasoterra di rara precisione. Il primo tempo si chiude con una uscita di piede di Condurache (17’) e con un salvataggio di Doati nei pressi della linea di porta. Nella ripresa il Derthona preferisce gestire. Giro palla preciso e veloce, per una squadra nettamente superiore a quella azzurra. Il Trino ad ogni modo non demorde. Si infortuna Elgebali (sostituito da Zouhair) e Gaye al quarto minuto viene fermato in calcio d’angolo. Lunga azione dei leoncelli al minuto 11, conclusa con il punto del 4-1 segnato con un tocco di prima intenzione. Non succede più nulla fino al 17’. Condurache si esalta e strappa i meritati applausi con un doppio intervento di pregevole fattura. Per terminare il torneo non resta che giocare la finale 5-6 posto con i vercellesi del Castigliano. I ragazzi di mister Asosti non vogliono terminare il torneo con il “cucchiaio di legno” e si battono con la giusta carica agonistica. Match in controllo, con diverse occasioni da gol create nel primo e nel secondo tempo. Il Trino vince per 2-0, grazie alle reti messe a segno da Elkej e da Drago.

RISULTATI

Casale FBC Bianchi-LG Trino-3-0 (3’, 17’ e 30’ Casale FBC)

Corner: Casale FBC Bianchi-LG Trino-3-3

LG Trino-Rivarolese-1-2 (5’ Gaye, 13’ e 30’ Rivarolese)

Corner: LG Trino-Rivarolese-2-6

Quarti di finale:

LG Trino-Derthona-1-4 (1’ Gaye, 1’, 13’, 14’ e 29’ Derthona)

Corner: LG Trino-Derthona-3-9

Finale 5-6 posto:

LG Trino-E.Castigliano-2-0 (Elkej, Drago)

LG Trino: Condurache (Cap.), Geretto, Doati, Balocco, Rametta, Elkej, Zouhair, Drago, Elgebali, Gaye. All: Asosti.