I SOLITI DIFETTI…

1^ GIORNATA CAMPIONATO REGIONALE GIOVANISSIMI 2004

FC Acqui-USD LG Trino-2-1 (Chiaria)

FC Acqui: Ivaldi, Arecco, Ruci, Outemhand, Cordara (Cap.), Martino F., Cadario, Massucco, Indovina, Martino T., Piccardo. A disp: Briano, Siri, Licciardo, Kurti, Garello, Dealexandris, Gallo. All: Aresca.

USD LG Trino: Pala, Farè, Bottazzi, Costa, De Silvestri, Binotto, Balocco, Masuero (Cap.), Chiaria, Oudadess, Daniciuc. A disp: Rissone, Buso, Reale, Fall, Raffaldo, Palazzo, Miceli. All: Spartera.

Primo tempo: FC Acqui-USD LG Trino-2-0

Espulsioni: FC Acqui-USD LG Trino-1-1 (Spartera)

Acqui Terme (AL) – La prima gara del campionato regionale non porta punti nelle casse della LG Trino, ma in compenso riapre discorsi, ahimè nati la bellezza di un anno fa. Tornare da una trasferta con tanti rimpianti, con un arbitraggio non proprio esemplare e con un approccio alla partita distratto ed ampiamente insufficiente, non è una novità per gli azzurri di mister Spartera. Quelli persi ad Acqui Terme, sono punti pesanti, perché i bianco-neri sono sembrati ampiamente alla portata della nostra squadra. Gli errori commessi in avvio dalla difesa, il rigore inventato che sblocca il risultato e la quantità industriale di occasioni da gol create e concretizzate, alla fine rimangono dati che fanno classifica sono nella casella degli alibi. Quello che conta (e che pesa) è lo zero nella colonna dei punti, dopo una gara che (vista la differenza tecnica) si poteva vincere. Mister Spartera parte con un classico 4-4-2, ma dopo dieci minuti si ritrova sotto di due reti, frutto di altrettante topiche della retroguardia. Il penalty fischiato dal direttore di gara è quantomeno assurdo, ma ha il potere di indirizzare la partita e di scatenare le proteste del mister azzurro, che di conseguenza viene espulso. Al trentesimo del primo tempo escono Balocco e Binotto ed entrano Buso e Miceli. Si passa ad un 4-3-3 con Oudadess sulla linea di Daniciuc e Chiaria. E’ una mossa tattica dettata dal risultato, ma anche dalla superiorità numerica (espulso un giocatore dell’Acqui FC). La ripresa è giocata ad una porta. E’ un assedio del Trino che crea tantissimo, ma che non concretizza. Alla fine, anche sbagliare tanti gol è un dato che condanna gli ospiti e che non lascia spazio a tante recriminazioni. Chiaria nel finale accorcia le distanze, ma oramai non c’è più tempo e i padroni di casa conquistano l’intera posta in palio.